Carissimi soci,

spero fortemente che stiate tutti bene e che presto potremo parlare di questo periodo come di qualcosa di superato, da lasciarci alle spalle.

Ognuno di noi porta nel cuore sofferenze profonde per le perdite subite e per le rinunce di ciò che ama fare. Parlando anche a nome del consiglio direttivo, ci rendiamo conto che non è ancora il momento di allentare la presa, rispettiamo il dolore che è stato, ma dobbiamo guardare al futuro in modo positivo e rispettoso.

Dopo il direttivo di martedì 15 settembre sono emerse alcune considerazioni da condividere con tutti voi in merito all’attività proposta dalla sezione di Chiari.

Molti di voi sono rientrati al lavoro, la scuola sta ripartendo ma la nostra attività sociale di escursioni e palestra ha ancora troppi vincoli per essere svolta con lo spirito giusto. Meglio continuare ad andare in montagna in piccoli gruppi, in autonomia; le gite sociali comportano limiti e responsabilità che rendono l’escursione di gruppo priva di socialità: distanze lungo il cammino, impossibilità di condivisione e contatto, sorveglianza delle misure anti-covid e responsabilità ulteriori per gli accompagnatori... Tutto almeno fino a fine anno.

La sezione è operativa ma ci sono restrizioni, almeno fino alla fine di ottobre, salvo diverse disposizioni: accedono solo gli operatori di segreteria e consiglieri, che attueranno i protocolli previsti, mentre chi viene in sezione sarà ricevuto allo sportello posto all’ingresso, per pratiche di rinnovo, nuovo tesseramento, informazioni o altro.

La palestra di arrampicata presso la scuola Toscanini fino alla fine del 2020 resterà chiusa; prevediamo la riapertura il prossimo gennaio, sempre che le restrizioni diminuiscano.

Questo però non vuole dire che il CAI di Chiari non abbia niente da offrire ai propri soci. Stiamo già lavorando per organizzare degli eventi aperti a tutti:

  • Domenica 27 settembre saremo in Villa Mazzotti per la “festa della Famiglia” con stand dedicato ai più piccoli!
  • Interessanti saranno i momenti divulgativi con tematiche ambientali, prima della fine dell’anno in collaborazione con il Comune.
  • Per il programma sociale 2021, verranno riproposte le escursioni non fatte quest’anno ma con alcune invitanti novità.

 

Dopo questi mesi così difficili vogliamo non perdere di vista la sicurezza e continuare a porre le basi per una ripartenza sempre più vicina. Il metro di distanza va benissimo, anche due o cinque ma… tendersi la mano in montagna è essenziale, così come l’atto della condivisione. Aspettiamo che questo torni ad essere un comportamento libero.

BUONA MONTAGNA A TUTTI!

Laura

Se è vero, come scriveva Sandor Marai nello splendido Le braci, che “Alla fine, alla fine di tutto, è con i fatti della propria vita che si risponde agli interrogativi che il mondo ci rivolge con tanta insistenza”, dobbiamo essere consapevoli che se la solidarietà è la nostra forma di risposta, se è con la capacità di attesa che dimostriamo il nostro coraggio e se il nostro entusiasmo permane vitale, nonostante le difficoltà del momento, non abbiamo nulla da temere.
E non sarà per agevolazioni o servizi, comunque connessi all’essere soci del Club alpino italiano – ma per il desiderio e la volontà di continuare ad appartenere ad una associazione che traduce nei fatti il dichiarato amore per la montagna, fatta di luoghi, popolazioni e culture di cui prendersi realmente cura, anche distribuendoci, finalmente, alla scoperta di valli ed itinerari meno conosciuti – che, appena sarà possibile, chi non ha potuto rinnovare l’iscrizione lo farà ancora più convintamente.
Perché “Se ogni giorno cade dentro ogni notte / c’è un pozzo dove la chiarità è rinchiusa. / Bisogna sedersi sulla riva del pozzo dell’ombra / a pescare luce caduta / con pazienza.” (Pablo Neruda).
Vincezo Torti - Presidente generale Cai

Questa è la bella chiusura dell'editoriale del nostro Presidente Generale nel numero di giugno della nostra rivista. E' da leggere interamente in quanto descrive bene, a nostro giudizio, la natura della nostra associazione.

La rivista è disponibile anche on line al seguente indirizzo https://issuu.com/cai-clubalpinoitaliano/docs/montagne360-giugno2020

Per chi ancora non avesse provveduto al rinnovo ricordiamo che la sede è aperta, per ora solo per il tesseramento, ogni giovedì dalle 21 alle 22:30 (vedi comunicazione al seguente link http://www.caichiari.it/index.php/40-apertura-sede-per-tesseramento).

Per chi non potesse venire in sezione, abbiamo attivato la possibilità del bonifico bancario (vedi comunicazione al seguente link http://www.caichiari.it/index.php/6-tesseramento-sezione-chiusa)

Solo per i soci che ancora non hanno potuto rinnovare il bollino 2020 la Direzione CAI Chiari ha deciso di aprire la sezione

SOLO PER IL TESSERAMENTO

Tutti i Giovedì dalle 21 alle 22:30

Ci siamo organizzati in modo da ridurre i rischi di contagi.

E’ obbligo che il socio si presenti munito di mascherina e guanti, e rispetti le distanze previste dai vari DPCM e che un nostro volontario ricorderà.

Ti aspettiamo

 

Su indicazione della Direzione Generale, alleghiamo, con invito alla massima divulgazione tra i Soci, le essenziali regole per i frequentatori di rifugi.

Esse sono state elaborate dalla Commissione Centrale Rifugi e Opere alpine.

I frequentatori di rifugi sono invitati ad attenersi ad esse per assicurare a sé e ad altri la massima tutela ed evitare la diffusione del Coronavirus.

Clicca sulle icone per aprire  i documenti